Il bilancio di fine anno del sindaco Castelletti  

Ieri pomeriggio il sindaco Castelletti, raccogliendo l’invito dell’Associazione Ricostruiamo Fiastra, ha incontrato la cittadinanza all’auditorium San Paolo per un bilancio di fine anno sulle più rilevanti questioni legate al sisma e non solo.

Si sono affrontati molti temi specifici a partire dalla scuola, per la quale è stata trovata nel nuovo modulo polivalente di San Lorenzo al Lago una sistemazione che, pur essendo provvisoria, soddisfa alunni e insegnanti in quanto sicura ed efficiente. Il progetto esecutivo della nuova scuola invece sarà presentato subito dopo la conferenza dei servizi, prevista per il mese di gennaio. Considerando i tempi realizzativi il sindaco ha quindi presunto la possibilità di aprire la nuova struttura per l’anno scolastico 2019-2020. Come richiesto nelle precedenti assemblee pubbliche, nel nuovo complesso troverà spazio anche la palestra. 

Si è parlato poi di alcuni dettagli sul completamento delle due aree Sae più consistenti, quella di Fiastra capoluogo e quella di Cerreto, e della possibilità offerta dal comune ai cittadini di disporre di uno spazio dove stoccare eventuali container con mobilio ed effetti personali di quanti dovranno, nei prossimi mesi, iniziare i lavori di ricostruzione della propria abitazione.  

Si sono affrontati anche interessanti temi legati allo spopolamento della vallata e alle misure che questa amministrazione ha messo in campo e può ancora promuovere per contrastarlo. Il tema, molto sentito, ha animato un costruttivo dibattito che non può che giovare all’intera comunità. L’amministrazione comunale, sempre disponibile a questo genere di confronto, si unisce all’appello lanciato dai promotori dell’iniziativa che hanno spronato la cittadinanza ad essere più partecipe. Unica nota stonata della giornata infatti è stata la partecipazione decisamente al di sotto delle aspettative. 

Contenuto inserito il 28/12/2018
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità