Il sindaco sulla questione del sequestro dell’abitazione di San Martino

Claudio Castelletti chiarisce la posizione del Comune nei confronti di Peppina Fattori, la signora novantaquattrenne di Moregini di San Martino cui, pochi giorni fa, è stato notificato il sequestro dell’abitazione appena costruita.

In questi giorni io e la mia amministrazione siamo stati oggetto di giudizi affrettati, purtroppo a volte degenerati nell’insulto – spiega il sindaco. Il Comune ha fatto e sta facendo quanto è nelle sue possibilità per venire incontro alla signora Peppina: siamo in contatto costante con i familiari e gli incontri con la Regione e i legali delle parti si susseguono senza sosta. Mi auguro che finché non si troverà una soluzione Peppina possa rimanere dov’è”.

Come riconosciuto anche dalla famiglia della signora Fattori, il sindaco ha ricordato che “il Comune ha cercato di agire più umanamente possibile sin dall’inizio, ma dal punto di vista normativo non abbiamo scampo: quel tipo di abuso non è sanabile, Fiastra è in un Parco Nazionale e li c’è un vincolo paesaggistico”.

“C’è un’altra possibile strada che in Regione stanno valutando – ha concluso Castelletti – ma sembra che non sia facile da percorrere: considerare queste abitazioni alla stessa stregua delle S.A.E., quindi realizzate in deroga a qualsiasi vincolo in virtù del loro carattere di provvisorietà.”

  

Contenuto inserito il 19/09/2017
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità