Inaugurato a Fiastra il Parco Rinascita dei sogni

“Questo è un piccolo progetto ma dal grande valore simbolico perché ricreare uno spazio nel quale i bambini possano giocare in libertà, anche quando intorno è tutto ancora da ricostruire, significa per me investire nel futuro del nostro paese”. Con queste parole il Sindaco Claudio Castelletti ha concluso la cerimonia di inaugurazione della nuova area giochi per bambini, il parco Rinascita dei sogni.

All’inaugurazione hanno preso parte il Presidente del Parco Oliviero Olivieri, Valentina Ancarani e Fabrizio Lolli, assessori all’urbanistica e alla scuola del Comune di Lugo di Romagna in rappresentanza di uno dei tanti soggetti che hanno reso possibile con il proprio contributo economico la realizzazione del parco. Tutti hanno sottolineato come la rinascita di uno spazio per i bambini sia emblematicamente legata ad un futuro positivo e la loro presenza qui è stata un bel segnale di attenzione per tutte le aree colpite dal terremoto. 

Erano presenti anche molti dei volontari delle Associazioni Psicologi dai popoli e Psicologi dal mondo, il gruppo di psicologi che ha seguito la popolazione di Fiastra dopo il sisma e dal quale è nato lo spunto per la realizzazione del parco. Il sindaco ha ringraziato la Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani che hanno anch’essi contribuito economicamente.

I giardini sono stati realizzati ampliando e modificando il Parco della Rimembranza, per questo Castelletti ha voluto ricordare la famiglia Conti e in particolare Dario, recentemente scomparso. Il Parco infatti fu realizzato da Fulvio Conti che volle piantare degli alberi in memoria dei caduti in guerra.

Ha poi ricordato l’impegno dei tanti che hanno partecipato alla realizzazione di questo nuovo spazio e il lavoro fondamentale degli operatori del Centro di Educazione Ambientale Valle del Fiastrone. Loro hanno materialmente coinvolto tutti i ragazzi di Fiastra nella progettazione degli spazi e dei giochi ma anche nella realizzazione stessa degli arredi del giardino grazie all’aiuto di qualche adulto. Come nel caso delle bellissime sagome di animali mimetizzate nella parte bassa del giardino: 27 specie tipiche del Parco dei Sibillini nascoste nei loro diversi ambienti naturali che in molti, tra cui proprio il presidente del parco Olivieri, si sono divertiti a scovare e riconoscere durante il rinfresco finale.

Contenuto inserito il 15/07/2018
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità