Sabato 20 ottobre a Fiastra va in scena lo spettacolo teatrale Il giallo di Veronica

Sabato prossimo, alle 21.00, presso la tendostruttura del capoluogo, si terrà lo spettacolo teatrale Il giallo di Veronica di Andrea Carraro messo in scena dalla Compagnia del Giullare di Salerno. Si tratta di un copione che va annoverato nel genere thriller, liberamente tratto da un racconto dell’americano Ira Levin e ambientato nell’Italia del Sud, che può essere considerato un giallo psicologico in cui il pubblico raggiungerà delle certezze soltanto negli ultimi dieci minuti di spettacolo e che coniuga il senso del mistero a quello dell’ambiguità.

L’evento, a ingresso gratuito, è organizzato dall’Associazione Culturale C.T.R. – Calabresi Te.Ma. Riuniti di Macerata ed è un’iniziativa finanziata dalla Regione Marche per esprimere a chi vive ancora le enormi difficoltà del post sisma una vicinanza speciale grazie all’esperienza condivisa di una rappresentazione teatrale.

Lo spettacolo si tiene nell’ambito dei Sabati del cratere e fa parte del Festival Nazionale Macerata Teatro – Premio “Angelo Perugini“, prestigiosa rassegna di teatro amatoriale seconda per longevità nel panorama italiano di settore. Tutti gli eventi che si tengono nel cratere sono preceduti da un incontro che si tiene il mercoledì precedente, presso la Biblioteca Comunale di Macerata Bozzi-Borgetti, in cui docenti dell’Università di Macerata approfondiscono le tematiche legate allo spettacolo che verrà portato in scena. 

All’evento di Fiastra seguiranno altri quattro spettacoli che si terranno a Tolentino, Pieve Torina, Pollenza e San Ginesio e sono stati preceduti dagli spettacoli già andati in scena a Camerino e a Serravalle del Chienti. Si tratta di un’iniziativa che l’amministrazione comunale di Fiastra ha accolto con immenso piacere sperando di regalare un momento di svago alla popolazione.

Contenuto inserito il 18/10/2018
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità